Social Networks

Dott. Jabbarpour Naser

Dott. Jabbarpour Naser

Specialista in Autotrapianto dei Capelli F.U.E.

 

­

L’Autotrapianto di Capelli

L’autotrapianto FUE è un arte possible per pochi chirurghi muniti di molta pazienza e che si dedicano con passione al proprio lavoro. Migliorando sia la strumentazione che la tecnica, si comportano secondo i migliori dettami della scienza e della coscienza di un chirurgo professionista e in modo tale da non rendere il proprio lavoro simile a una catena di montaggio. È giusto ricordare sempre che ogni singola persona è unica e diversa da tutte le altre e soprattutto per questo va rispettata. Dopo 10 anni di esperienza con il metodo del trapianto FUE, siamo ora lieti di comunicare che abbiamo migliorato sia qualitativamente che quantitativamente questa tecnica, introducendo nuovi strumenti per rendere ancora più preciso e meno traumatico il lavoro di rinfoltimento dei capelli. In fondo noi crediamo che il corpo umano è la cosa più preziosa che possa esistere e non troviamo abbia senso abbandonarlo a danni permanenti (es.: cicatrici). Per questo adottiamo una metodica moderna senza lasciare segni e cicatrici, evitando che i capelli manifestino inestetismi (es.: effetto bambola) e garantendo al paziente massima sicurezza e comfort sia durante che dopo l’intervento. La condizione fondamentale per qualsiasi tipo di autotrapianto è che la zona donatrice abbia abbastanza bulbi da prelevare. Compito del chirurgo è quello valutare se l’esigenza del paziente è realizzabile o meno, di chiarire bene, prima dell’intervento, il percorso che si deve effettuare risolvendo ogni ragionevole dubbio del paziente circa il risultato finale. Abbiamo chiamato il nostro metodo IGP (Infoltimento Graduale Personalizzato) un metodo privo di operazioni drastiche come lo sono i tagli. Se durante anni successivi all’intervento, il paziente continua a perdere ulteriori capelli, noi permettiamo che si possano ripetere più rinfoltimenti nell’arco della vita del degente, cosa che con il metodo tradizionale non è possibile fare (basti vedere su YouTube: “trapianto capelli chirurgia”). I follicoli vengono precedentemente prelevati uno a uno dalla zona più folta (sotto anestesia locale, quindi indolore), in seguito vengono innestati con delle penne speciali nella zona diradata (metodo FUEI), operazione che va evidenziata dalla caratteristica di NON creare dei fori artificiali nella zona ricevente bensì infilando i follicoli nei fori preesistenti della parte cutanea diradata. Operazione possible grazie a speciali pinzette e non a bisturi. Questo ci permette di prelevare e innestare fino a 2000 bulbi in meno di 3 ore (bulbi selezionati e controllati da 3 specialisti) possiamo dire che si tratti di una ridistribuzione dei propri bulbi in maniera poco invasiva e personalizzata. Con il metodo FUEI (sotto anestesia locale) riusciamo a prelevare, con un micro punch di diametro 0,7 mm, dei micro innesti che contengono da 1 a 4 bulbi in circa un ora fino a 2000 bulbi, successivamente i bulbi selezionati vengono caricati negli appositi iniettori (diametro 0,7 mm) e inseriti delicatamente nella zona diradata paralellamente ai capelli persistenti (per non danneggiarli) oppure se il paziente è diradato completamente, creiamo noi la direzione della crescita adatta. È solo in questa fase che le mani esperte riescono a dare una direzione, densità e armonia ai futuri capelli perchè crescano in modo naturale. Ricordiamo che i bulbi prelevati dalla nuca hanno la stessa struttura dei bulbi della barba e perciò sono perenni e non caderanno mai. Le eventuali crosticine post intervento spariscono dopo una settimana e i nuovi capelli dopo alcuni cicli di caduta e crescita rapida si stabilizzano entro qualche mese e non cadono più. Nell’arco di questa settimana se il degente lo desidera il cuoio capelluto è già pronto per un ulteriore infoltimento. Immediatamente dopo l’intervento il paziente può riprendere la propria attività quotidiana e dopo 48 ore può lavarsi i capelli senza aver bisogno di alcuna particolare cura.

capprecapposle

01-prima_veliko01-dopo_veliko

02-prima_veliko02-dopo_veliko

prima_velikodopo_veliko

 

­

Differenza principale tra la tecnica Strip e FUE:

differenze_it

 

 

 

 

 

 

 

 

­

NOI NON FACCIAMO COSI’!!!

strip

 

 

 

 

 

 

 

 

­

 

 

Il metodo del prelievo dei bulbi con strip: Decisamente sbagliato e diverso dalla nostra tipologia di interventi è il risultato qui in foto riportato. Abbiamo già inquadrato il nostro metodo di infoltimento (IGP) e del rispetto che si deve avere per la zona donatrice in modo da poterla riutilizzare per ultriori rinfoltimenti. Osservando questa immagine possiamo capire perchè.  Si noti non solo l’inestetismo ma anche il danno riporato alla cute che è stata irrimediabilmete compromessa. Il nostro approccio non include incisioni o tagli della parte selezionata per il prelievo dei bulbi. Prelievo che noi effettuiamo in modo omogeneo e con pinzette. Quanto si vede dalla foto è ciò che noi non faremo mai.

Foto1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

­

Ricordiamo che i bulbi prelevati dalla nuca hanno la stessa struttura dei bulbi della barba e perciò sono perenni e non caderanno mai.questa significa che devono essere trapiantati , con degli strumenti adatti e le mani esperte, in direzione della crescita dei restanti capelli . altrimenti  si rischia di NON poter dare precisa inclinazione e giusta posizionamento del bulbo e quindi capello  crescerà in maniera  innaturale. ( come la foto )